Monza, Galliani: “Mercato? Punteremo sui giovani”

Galliani dà le prime indicazioni di mercato e spiega il futuro in Serie A del Monza: dal budget per gli acquisti agli obiettivi del club.

09/06/2022

10:00

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Dino Panato/Getty Images)

Il Monza si prepara a vivere la sua prima stagione da protagonista in Serie A, ed inizia a muovere i passi sul mercato. Chi sogna in grande ed ha belle ambizioni, è Adriano Galliani. L’ad del club della Brianza ha dichiarato di voler costruire una squadra importante e improntata sui giovani. Di seguito le sue parole al Corriere dello Sport.

Monza, parla Galliani: dagli obiettivi al mercato

mercato Monza
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Dopo la fine dell’avventura al Milan

“Il 13 aprile del 2017 finisce la mia avventura al Milan e il telefonino si trasforma nello specchio di un mondo, di un modo. Adriano Galliani, che fino a quel momento era alto, bello e con gli occhi azzurri – ha presente Brad Pitt? – diventa improvvisamente, e rapidamente, Calimero. La frequenza delle chiamate si riduce in modo esponenziale, riprende soltanto il 28 settembre 2018 quando Silvio Berlusconi acquista il Monza. Cento telefonate in C, 200 in B, qualcuna in più nella stagione in cui sfioriamo la Serie A”.

Sulla promozione in Serie A

“Dalle 23 e 15 del 29 maggio 2022, terminata la partita col Pisa, assisto a un’autentica esplosione di… affetto. I messaggi che ricevo su Whatsapp sono oltre mille e duecento. Ho impiegato una settimana per rispondere a tutti. Chi mi poneva domande, chi inseguiva un incontro, chi domandava altro, chi si proponeva: non potevo risolverla con un grazie e a presto oppure con un cuore rosso e uno bianco, i colori del cuore”.

Il budget per la Serie A e gli obiettivi

“Il budget lo farò in questi giorni, mi aspetta una full immersion estiva che non prevede weekend ma solo week. Cambieremo tanto, come abbiamo sempre fatto, per adeguare la rosa alla categoria. Le regole sono chiare: 17 giocatori, tre dei quali extracomunitari, più quattro italiani e quattro provenienti dal settore giovanile. Avendo una storia così frammentata, l’unico ex praticabile è verosimilmente Pessina, Matteo, al quale voglio bene. Ma non mi sembra un acquisto realizzabile. Le altre squadre avranno 25 in rosa, noi obbligatoriamente 21 più tanti over 2000. Punteremo comunque sui giovani, non sui nomi che leggo in questi giorni”.

Su Allegri e Mourinho

“Max è un fratello, Mou un’icona, un vincente, ha la storia dentro. Sarà bello confrontarsi con Juve, Inter, Milan, Napoli, Roma”.

Vorrà ridurre i conflitti che ci sono tra Federcalcio e Lega?

“Non mi faccia uscire come il professore che arriva e insegnare agli altri come si sta al mondo, la prego”.

Lei sogna ancora nonostante l’età?

“Io sono nato il 30 luglio del ’44, e non aggiungo altro. Anzi, una cosa la aggiungo. Una frase che mi piace tanto: in un sogno non si ha mai ottanta anni”.