Napoli, la cessione di Fabian Ruiz sblocca le entrate: il punto

La cessione di Fabian Ruiz può sbloccare le prossime entrate del Napoli: pronti gli affondi per Navas e Raspadori.

08/08/2022

09:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il mercato del Napoli ha bisogno necessariamente di una scintilla che possa riattivare gli ingranaggi e consentire ai partenopei di completare la rosa entro l’inzio del campionato, e quella scintilla potrebbe essere rappresentata dalla cessione di Fabian Ruiz. Il giocatore sta da tempo rifiutando le proposte di rinnovo, in quanto deciso più che mai a cambiare aria, ma fino ad ora gli azzurri bloccavano la sua cessione con delle richieste altissime. Tuttavia il contratto dello spagnolo scadrà tra un anno, e questo induce De Laurentiis ad abbassare sensibilmente il prezzo del cartellino, in modo da ricavarci una cifra abbastanza dignitosa. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, il PSG sarebbe pronto ad avanzare la sua offerta da 25 milioni, una proposta che il Napoli è destinato ad accettare, e che potrà finalmente sbloccare il mercato in entrata.

(Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Napoli, la cessione di Ruiz sblocca il mercato in entrata: le ultime

Con i soldi ricavati dalla cessione del centrocampista, il Napoli ha intenzione di chiudere due operazione. La prima riguarda l’arrivo di Giacomo Raspadori, bloccata a causa delle altissime richieste del Sassuolo. I neroverdi vorrebbero infatti 40 milioni per il gioiello azzurro, mentre il Napoli non si spinge oltre i 31 (inclusi bonus). In questo senso la cessione di Ruiz potrebbe consentire ai partenopei di alzare l’offerta e facilitare la trattativa. L’altra operazione è quella per Keylor Navas: il portiere costaricano è molto apprezzato dalla dirigenza campana, ma l’ostacolo è rappresentato dall’ingaggio, e ad oggi la soluzione è quella di far si che il PSG possa accollarsi parte dello stesso.

LEGGI ANCHE: Venezia, Javrovic: “Orgoglioso dei ragazzi che hanno lottato”