Connect with us

Serie A

Roma, cercasi il dopo Pinto: tutti i nomi per i giallorossi

Published

on

roma dopo tiago pinto

Roma dopo Pinto – La Roma è alla ricerca del dopo Tiago Pinto, da ieri non più il General Manager dei giallorossi: ecco i tutti i potenziali per sostituire l’ex dirigente portoghese.

Dopo quella di José Mourinho, ieri ha avuto fine l’era di Tiago Pinto come General Manager della Roma. Sebbene il portoghese avesse già annunciato la notizia prima dell’inizio del mercato invernale, ora è ormai ufficiale. A seguito degli ultimi colpi di questa finestra, Huijsen, Angelino e Baldanzi, il dirigente lusitano lascia la Capitale dopo aver conquistato in questi anni di mandato una Conference League e una finale di Europa League (persa). Mentre i ragazzi del neo allenatore Daniele De Rossi cercano di rimettere in piedi una stagione dai tratti negativi, i fratelli Friedkin sono alla ricerca di un sostituto da inserire ai piani dirigenziali, specie in chiave prossimo mercato estivo.

Roma, cercasi il dopo Pinto: tutti i nomi per i giallorossi

dopo Tiago Pinto roma

Photo by: Getty Images – calcioinpillole.com

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, per il nuovo di nuovo General Manager della Roma, i fratelli Friedkin avrebbe in cima alla propria lista desideri due nomi: Florian Maurice e Marco Neppe. Sebbene più defilati, gli altri potenziali profili accostati al club giallorosso sarebbero Mitchell, Vivel e Schmadtke. Viceversa, con Frederic Massara la dirigenza americana non avrebbe avuto alcun tipo di contatto, sebbene molti scommetterebbero proprio sull’approdo nella Capitale dell’ex Milan.

Attualmente al Rennes ma con il contratto in scadenza il prossimo anno, Florian Maurice sarebbe – secondo la Rosea – uno dei maggiori candidati come nuovo General Manager della Roma. Come già riferito, Marco Neppe sarebbe l’altro profilo accostato a Trigoria negli ultimi giorni. Dopo aver svolto tutta la trafila presso il Bayern Monaco dal 2014, il dirigente tedesco ha recentemente interrotto i suoi rapporti con i bavaresi, dando le sue dimissioni per problemi di natura interna.