Roma, Stankovic su Matic: “Affidabile e leale, un vero guerriero”

L'ex interista ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport, dove ha parlato di Matic e del suo imminente approdo in giallorosso.

07/06/2022

10:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Alex Pantling/Getty Images)

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Dejan Stankovic ha parlato a tutto tondo di Nemanja Matic, suo ex compagno di Nazionale ormai vicinissimo a vestire la maglia della Roma. Ecco le sue parole, riportate da Calciomercato.com.

(Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

Roma, le parole di Stankovic su Matic

Perchè è perfetto per Mourinho?
“Per Mourinho ha due doti fondamentali: affidabilità e lealtà. Significa che sa di potersi fidare di lui sia in campo che nello spogliatoio, che è una persona seria, con dei grandi valori e una bella famiglia che lo segue. E poi José sa bene che è un guerriero. Uno di quelli che piace a lui”.

LEGGI ANCHE: Mercato Milan, Ibrahimovic ha deciso: sì al rinnovo simbolico

Le sue caratteristiche migliori?
“Molto forte nella prima costruzione. Bravo nel primo passaggio per cominciare la manovra, rapido nell’intervenire sulle seconde palle, abile di testa. Poi, grazie al suo fisico, ottimo per proteggere la difesa. Lo ammetto, sono molto curioso di vedere come si adatterà nel calcio italiano, ma non ho dubbi che farà bene.”

Sull’età
“Preferisco vedere il rovescio della medaglia: diciamo che si è risparmiato per giocare altri due o tre anni a grande livello. In Premier c’è più dinamicità, mentre la Serie A è il campionato più tattico che ci sia. A quasi 34 anni, Nemanja ha l’esperienza per fare subito bene”.

Sull’importanza di avere Mourinho come allenatore
“Io credevo di aver raggiunto il top di quello che potevo dare, invece mi ha messo in condizione di dare il venti-trenta per cento in più. Sa sempre che cosa chiedere, sa quali tasti toccare per farti avere la reazione di cui ha bisogno, dandoti anche complicità quando occorre. Come fare a non dare tutto per uno come lui? Per questo, al suo primo anno alla Roma, ha già vinto un trofeo. Certo, José ha un nucleo di 14-15 giocatori che utilizza sempre e che devono essere pronti a tutto. Questo può logorare, ma il fatto che ti dia fiducia è una cosa che regala carica».

Correlati

09:20

07/06/2022

Il vice ds dello Shakhtar Donetsk, Carlo Nicolini, ha parlato in esclusiva a TMW di Marcos Antonio, l’ultimo colpo della...

Il vice ds dello Shakhtar Donetsk, Carlo Nicolini, ha parlato in esclusiva a TMW di...

09:20

07/06/2022

09:00

07/06/2022

Italia e Ungheria sono pronte a dar vita alla seconda giornata della fase a gironi della Nations League. Gli azzurri sono reduci...

Italia e Ungheria sono pronte a dar vita alla seconda giornata della fase a gironi...

09:00

07/06/2022

Serie A

13:30

25/06/2022

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha parlato della nuova stagione della Serie A che è iniziata ufficialmente ieri con il...

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha parlato della nuova stagione della...

13:30

25/06/2022

13:15

25/06/2022

La Lega Serie A ha premiato il gol di Theo Hernandez, terzino francese del Milan, contro l’Atalanta nella penultima...

La Lega Serie A ha premiato il gol di Theo Hernandez, terzino francese del...

13:15

25/06/2022