Sassuolo, Dionisi: “Scamacca e Berardi potrebbero lasciarci”

Il tecnico del Sassuolo ha parlato all'Originale dei possibili addi di Berardi e Scamacca: le sue dichiarazioni.

07/06/2022

11:20

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

L’allenatore del Sassuolo, Alessio Dionisi, è stato ospite negli studi di SkySport, nel corso della trasmissione l’Originale. Il tecnico dei neroverdi ha parlato dei gioielli della squadra e della concreta possibilità di un loro addio, sottolineando le loro grandi potenzialità. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da TMW.

(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Sassuolo, le parole di Dionisi su Scamacca, Raspadori e Berardi

Sulla trasmissione
“Quando vi vedevo in tv, mai avrei pensato di venire qua come ospite. Qui al centro non l’avrei pensato. Il fuoco dell’allenatore? Lo lascio dire agli altri, non lo so. Uno quando fa una cosa cerca di farlo al meglio e al massimo, poi il futuro degli allenatori lo determinano i giocatori…”.

LEGGI ANCHE: Mercato Juventus, pronti dei bonus per convincere Di Maria

Sul possibile addio di Berardi
Come la prendo? Secondo te? La si mette in conto, quando si allenano giocatori bravi, la possibilità di non allenarli più c’è, l’ho messa in conto sul finire della stagione, poi vediamo”.

Su Scamacca
“E un giocatore forte che ha dimostrato di meritarsi la vetrina che sta ricevendo. Spero di godermelo ma come ho detto prima per Berardi…Qual è la sua forza? Ha tiro, è rapido ed è tecnico: è 1 metro e 95, è rapido. Sicuramente ha ancora margine di miglioramento, ha 23 anni. Io spero di allenarlo ancora.”

Sul cosa chiede ad un attaccante
“Cosa chiedo a un centravanti? Di segnare? Quello tutti…Gli chiedo di legare il gioco, essere utile alla squadra, e farsi trovare in area, sta diventando cosa poco comune che l’attaccante si faccia trovare pronto in area. Ora diventa importante giocare spalle alla porta, molte squadre non ti permettono di giocare con tranquillità e dunque avere un giocatore avanti da trovare…”

La sua innovazione tattica più importante?
“Qual è l’innovazione più importante degli ultimi 2 anni? Risposta difficile da dare. Questa cosa del possesso non dico che sia superata ma ogni squadra prova a giocare con la propria identità. La cosa che sta cambiando è il pressing ultraoffensivo che fanno quasi tutti per mascherare qualche difetto a volta, squadre si muovono di conseguenza alla palla e muovere i giocatori porta ad essere meno prevedibili. Mio padre ha marcato Maradona? Io ero appena nato. Mio padre l’ha parafrasata 1.500 volte, bei ricordi”.

Su Raspadori
“Sono convinto che possa fare due ruoli. Quest’anno ha fatto più la seconda punta o il trequartista vero e proprio. Lo ha fatto alla sua maniera. È dotato di un’intelligenza superiore alla media, oltre alle doti tecniche”.

Correlati

Il Milan e Zlatan Ibrahimovic continueranno insieme ancora per un anno. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, dopo...

Il Milan e Zlatan Ibrahimovic continueranno insieme ancora per un anno. Come...

09:40

07/06/2022

09:20

07/06/2022

Il vice ds dello Shakhtar Donetsk, Carlo Nicolini, ha parlato in esclusiva a TMW di Marcos Antonio, l’ultimo colpo della...

Il vice ds dello Shakhtar Donetsk, Carlo Nicolini, ha parlato in esclusiva a TMW di...

09:20

07/06/2022

Serie A

Secondo quanto riportato da Sky, nelle prossime settimane potrebbe accendersi un nuovo scontro di mercato tra la Juventus e...

Secondo quanto riportato da Sky, nelle prossime settimane potrebbe accendersi un...

22:30

25/06/2022

22:00

25/06/2022

Manca ormai poco all’inizio della prossima stagione sportiva. Ancora poche settimane di vacanze e poi i club cominceranno...

Manca ormai poco all’inizio della prossima stagione sportiva. Ancora poche...

22:00

25/06/2022