Salernitana, Sepe: “Stiamo cambiando modo di giocare senza Djuric”

Le dichiarazioni del portiere della Salernitana Luigi Sepe in vista dell'inizio del prossimo campionato di Serie A.

16/07/2022

21:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Manca sempre meno all’inizio del campionato. La Salernitana dell’estremo difensore Luigi Sepe, nella giornata odierna è stata impegnata in un’amichevole di preparazione in vista dell’avvio della prossima Serie A contro i tedeschi dell’Hoffenheim. I campani hanno offerto una buona prova e sono riusciti a pareggiare per 2-2 contro i più quotati avversari. A margine della gara contro la formazione della Bundesliga, in conferenza stampa ha parlato proprio il portiere dei granata Luigi Sepe. Di seguito ecco un estratto delle sue dichiarazioni raccolte dai colleghi di Tuttomercatoweb.

Salernitana Sepe
(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Salernitana, Sepe: “Stiamo lavorando duramente in ritiro”

“Stiamo lavorando molto sulla costruzione dal basso. Concetto di gioco che, in verità, il mister ci aveva trasmesso sin dalla passata stagione, anche come alternativa tattica al lancio lungo per Djuric. Era un calciatore importantissimo, lo trovavi dappertutto e ha dato una grossa mano. Ora, però, siamo proiettati alla prossima stagione: c’è uno zoccolo duro valido, sono arrivati calciatori di un certo livello e altri ne arriveranno nelle prossime settimane”.

“Abbiamo un allenatore come Nicola che sa il fatto suo, capisce quando essere seri e quando invece è necessario scaricare la tensione con qualche battuta. Non vedo l’ora che finisca questo ritiro, stiamo faticando veramente tanto ma questo ci servirà per arrivare all’esordio in coppa Italia con il Parma nel migliore dei modi”.

Sull’esordio in campionato: “Vogliamo toglierci una bella soddisfazione contro la Roma, in casa nostra a cospetto di una big. Il gruppo, guidato dalla vecchia guardia, sta crescendo giorno dopo giorno e oggi siamo riusciti a pareggiare contro un’ottima squadra che poteva metterci in difficoltà specialmente sul piano fisico”.

Sui nuovi arrivati: “Botheim è il classico attaccante che vede la porta, difficilmente sbaglia che ha l’occasione giusta. Pirola si farà trovare pronto quando verrà chiamato in causa, oggi ha dato una mano nello spezzone in cui è stato gettato nella mischia. Lovato è bravo, è un giovane con esperienza in questa categoria e mi fa piacere che sia arrivato a Salerno. Aspettiamo Bradaric, elemento validissimo”.