Tanti auguri Italia… da Trieste in giù

11/07/2021

07:30

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

Photo Claudio Furlan/LaPresse

Come è bello tifare Italia da Trieste in giù. Già, perché, almeno quando gli Azzurri sono in finale di una competizione come quella degli Europei, la nostra penisola è unita come non mai, è davvero un’unica striscia di terra in mezzo ad un mare che non riesce a dividere nemmeno le isole più piccole, figurarsi Sicilia e Sardegna. Ed allora un’Italia unita invia i suoi auguri agli Azzurri di Mancini, che stasera affronteranno l’Inghilterra nella finale di Euro 2020.

E’ Forza Azzurri da Trieste e dal Friuli, perché abbiamo sofferto tanto in questi ultimi anni pallonari e non, ma a val pi un’ora di ligria che cent di malincunia. Sì, gli inglesi sono forti e sicuri di sè, ma, come dicono i milanesi, chi è potent è prepotent, forza Italia, dàgh una petenàda. Dal Veneto ricordano che ghèmo subìo na umiliazión e semo ndai vanti. I rideva de nialtri e ghèmo tirà drìto. Ghèmo patio de tuto e semo senpre qua. Ghèmo sbajá, ma chi no fa no sbaja. Bronsa cuèrta de sti Europei, muso duro e bereta fracà, semo rivai in finàl. Desso ze l’ora de vìnser, ghèmo voja de trionfàr! Ndemo Italia! Forsa tosi! Semo drio sognàr! 

LEGGI ANCHE: Casa Italia, azzurri atterrati a Londra. Sale l’attesa per la finalissima

E’ un’Italia unita da Nord a Sud, passando per la Toscana dove si accomodano davanti alla Tv e si dicono: “Ragazzi, mettiamoci a cecce e guardiamoci sta finale, forza Azzurri”. In Umbria non stanno nelle pelle e cantano all’Italia: Quant’è bula l’Italia. Chi vien qua s’impipinisce sempre, s’annamora del nostro Paese. Noi sèmo buli, le meraviglie del mondo enn tutte tuquie. Italia, tu me fe doventà matto, Dio m’aiuti! Stà domenica gli azzurri c’hon d’avè la tigna, quilla c’hemo dimostrato fin adè. È da’m bo’mpò che nn’arviceno niente, ma quista è l’occasione per faglie fa l’bregno ta tutti. Inglesi, v’aspettamo a patollo! Speremo che Insigne artira na catramina delle sue! Daje freghi, daje Italia! Arportamo la coppa da le nostre parti!”. Dall’Umbria passiamo all’Abruzzo, dove si fanno scorte di arrosticini, ci si siede a tavola e si dedica una strofa agli Azzurri di Mancini: “C’avet fatt penà tre ann’ fa, finalment’ semm’ riturnat’ a cantà. Me raccumann’, juchet co lu core. Na Nazion’ inter’ adda strilla’ per ore e ore. Tutt nu’ Paes se stregn’ sott’ la bandier’ italiana. Che dopo n’ann che n’ semm’ scit’ manc nu jorn’, le person’ anna fa casin’ da nord a sud per tutt lu mond’. E ‘ntant che nu’ magnemm’ e tifamm’, vu’ penset’ a vince, che po’ festeggiamm’. ‘Mmocc’ allu lup’! Jamm juagliu!”.

E Roma e Napoli si uniscono in un solo grido, con lingua ed accento diversi ma simile significato. I romani in rima: “In Italia er pallone è sempre stata na questione de còre e de passione, na varvola de sfogo che sto maledetto virus ha cercato de mannà ar rogo. Dopo na breve pausa de riflessione, mo semo pronti alla resurrezione. Nun vincemo n’europeo dar ’68, daje Italia, è ora de rifà er botto!” ed i napoletani con il mandolino: “‘O Paese nuostre nun tene confini. ‘O Paese nuostre è sempre ‘o Paese d’o sole e d’o mare, ‘o Paese addo’ tutte ‘e parole, so’ doce o so’ amare, so’ sempre parole d’ammore! E d’ammore amma riempi’ l’Italia, d’ammore amma riempi’ gli Azzurri. Perché n’emozione regalata è nu regalo troppo gruoss e s’adda sempre festeggia’. Jamm Italia Ja! Facci stu regalo”. Si scende fino alla punta dello stivale ed in Calabria sperano in Berardi, ma non solo: A Nazional un si po’ spagna cchiu i nent. Micuccio Berardi, vira i ri far abballare a ruminica a chist i l’Inghilterra. ‘Mbentatill anguna cosa pi ra final… Ohi Cirù, mpizzaziel nu gol! E chi t’è pijat, chi cos’è. In miezz u camp, minat ntri gamme. Un sim musci, fuijmo buon. Stapitiv ncutt ncutt, ncuoll all’inglesi. Accort i rarriet! Virit i un fari guaj. Ntra l’area m’arraccumann. Un sia mai manca nu minut, jettat a palla avanti. Foraffascin. Arrass a ra pagura. Ca vulit fjuccar. Jamm guagliunn ca sim forti! Nu meritam cchiu nua i tutt l’atrij!”. 

E come potevano mancare le isole, dove si tifa Italia dalle spiaggie: “Non ti connoxisi in d’una sede ma rappresentasa su populu tuo, bivisi su sentidu tuo e du faisi bivi a tottu sa Natzione, non c’esti paragoi. Ajò Italia – gridano in Sardegna fortza Paris!”. Chista è ‘a sfida cchiù ‘mpurtanti – ricordano i siciliani – E nun avi significatu fari pi avutra manera. Amunì! Cafudda, Italia!”.

Una nazione. Un popolo. Mille lingue, ma un unico grande abbraccio. Almeno oggi, almeno stasera: FORZA ITALIA! L’Italia è con te… da Trieste in giù!

Euro 2020

16:26

23/03/2022

Le squadre russe di club sono state eliminate direttamente dalle rispettive competizioni europee. La nazionale della Russia è...

Le squadre russe di club sono state eliminate direttamente dalle rispettive...

16:26

23/03/2022

12:30

01/01/2022

Il 2021 è per noi italiani l’anno della rinascita sportiva. Il più emblematico, forse, è proprio il trionfo nel campionato...

Il 2021 è per noi italiani l’anno della rinascita sportiva. Il più emblematico,...

12:30

01/01/2022