Inter, Calhanoglu senza giri di parole: “Derby perso anche per colpa di Inzaghi”

Il centrocampista dell'Inter Hakan Calhanoglu ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Tivibu Sport.

22/06/2022

22:15

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Ad un mese esatto dalla fine del campionato, il centrocampista dell’Inter Hakan Calhanoglu ha rilasciato una lunga intervista a Tivibu Sport. Molteplici i temi toccati dal giocatore turco e soprattutto alcune delle sue dichiarazioni sulla gestione da parte di Simone Inzaghi della gara del derby di ritorno contro il Milan, ché di fatto ha sancito l’inizio della rimonta rossonera in Serie A, lasceranno discutere a lungo. Di seguito ecco l’ intervista completa di Calhanoglu, riportata dai colleghi di fcinter1908.

Calhanoglu
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Calhanoglu: “Ibra non decisivo per il Milan”

“Questa stagione è stata davvero impegnativa. Abbiamo giocato senza sosta. Champions League, campionato, nazionale. Siamo andati anche in ritiro alla fine del campionato e sono felice di aver vinto 4 partite su 4 e di aver finito bene. Ho altre due settimane per le vacanze”. 

“Penso di essere severamente criticato di tanto in tanto, ma vivo tutto dentro di me. Dopotutto, ho una grande responsabilità su di me. Ma chi mi conosce bene, sa cosa ho passato. Ecco perché sono preparato a tutte le critiche che vengono dall’esterno. Sono normali, vivo sempre con critiche. Ma la mia posizione è chiara, è chiaro dove gioco. Ecco perché cerco di non ascoltare. Ci metto un po’, sono una persona emotiva, ma non lo mostro. Lo condivido solo con mia moglie. Cerco di non mostrarlo nemmeno ai miei compagni di squadra più cari”.

“Passare dal Milan all’Inter è stato molto difficile; non facile. Stessa città, colori diversi. Anche adattarsi alla squadra non è stato facile. Ma ho lavorato sodo, ero molto concentrato sul mio lavoro. Sapevo che sarei andato nella squadra dei campioni d’Italia. Era la mia occasione. La squadra in cui sono andato non ha vinto ancora, la mia vecchia squadra invece sì. La gente faceva sembrare che fosse colpa mia. Il nostro obiettivo quest’anno è di nuovo il campionato. Sono in arrivo anche buoni acquisti”.

“Penso di aver dato un buon contributo alla squadra con i miei assist e i gol quest’anno. La nostra squadra sta molto bene, sono molto felice all’Inter. Anche il supporto dei tifosi mi aiuta molto. Ho giocato per 4 anni al Milan, non sono stato chiamato dagli spalti nemmeno una volta durante il riscaldamento. Al mio primo anno all’Inter mi chiamano per nome ogni volta che mi riscaldo. L’Inter è una squadra molto più forte del Milan. Abbiamo perso una partita contro il Milan: al 75′ Perisic, Barella ed io siamo stati sostituiti e la partita è cambiata improvvisamente. Eravamo in vantaggio 1-0, poi abbiamo perso 2-1. L’allenatore ha anche contribuito alla sconfitta in quella partita. Gliel’ho detto anche io. Nella partita successiva di coppa, li abbiamo battuti 3-0. La squadra era ambiziosa. Di Inzaghi in generale penso che è una persona molto brava che capisce il calcio ed è molto vicino alla squadra. Era un’avventura molto difficile per lui, ma penso che l’abbia superata. Mi voleva molto, anche la sua insistenza sul mio trasferimento all’Inter è stata importante”.

Sui cori di Ibrahimovic

“Ha 40 anni, non lo avrei fatto se ne avessi avuti 40. Non hai 18 anni. Gli piace attirare l’attenzione, vive con questo. Quest’anno non ha contribuito, non ha giocato affatto. Ma fa di tutto per attirare l’attenzione dei tifosi. Non mi interessa affatto. Non è giusto per una persona che mi chiama sempre quando sono a Milano, vuole uscire a cena e va in moto insieme. Lo rispettavo e per me era così. Ha anche scritto di me nel suo libro. Doveva scrivere, o il suo libro sarebbe stato vuoto. Non gli rispondo, è meglio non rispondere”.