Inter, Inzaghi: “A Plzen era difficile, complimenti ai ragazzi”

Le dichiarazioni del tecnico dell'Inter Simone Inzaghi al termine della sfida di Champions League vinta contro il Viktoria Plzen.

13/09/2022

21:10

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by MICHAL CIZEK/AFP via Getty Images)

Primo successo stagionale per l’Inter di Simone Inzaghi in Champions League. I nerazzurri nella seconda gara del Gruppo C si sono imposti per 2-0 sul campo del Viktoria Plzen grazie ai gol di Dzeko e Dumfries. Al termine della gara il tecnico interista si è presentato in confrenza stampa per analizzare il match. Di seguito ecco un estratto delle sue dichiarazioni raccolte e riportate dai colleghi di Tuttomercatoweb.

Inzaghi: “La squadra sta crescendo anche a livello di singoli”

Complimenti per la vittoria, quanto sollievo prova dopo questo primo successo in Champions?
“Siamo contenti, perché sapevamo che l’avversario sarebbe stato da non sottovalutare. Sappiamo il percorso di tutte le squadre italiane che sono venute qui a Plzen. I ragazzi sono stati bravi, sono rimasti concentrati e ho fatto loro i complimenti nello spogliatoio”.

Il rodaggio è completato?
“Sapevamo che era un calendario complicato, con così tante partite, questa è la terza in sei giorni, la squadra sta crescendo anche a livello di singoli. Ho bisogno di tutti a disposizione, siamo venti giocatori di movimento più tre portieri. Adesso ci manca Lukaku, con lui saremo tutti”.

Con un Dzeko così, Lukaku può recuperare con calma.
“È stato bravo Edin, come tutti i suoi compagni, io ho bisogno di tutti in difesa, a centrocampo e in attacco. Dopo la sosta rientrerà Lukaku e di volta in volta sceglierò la coppia d’attacco che entrerà in campo”.

Adesso che c’è anche Acerbi, quanto entrerà lui nelle rotazioni difensive?
“È stato molto bravo, era l’esordio, non era semplice, è un giocatore che conosco e che ci potrà dare una grande mano. L’importante è che tutti i ragazzi sanno che c’è competizione tra di loro, gliel’ho fatto capire in queste otto partite che ho bisogno di tutti, che ci saranno rotazioni e che tutti saranno coinvolti. Giocando così tanto ho l’esigenza di usare tutti i giocatori. A Udine sarà la quarta partita in dieci giorni, in poco tempo dovrò capire quale sarà la formazione migliore per quella gara”.

Come vede adesso il percorso dell’Inter in Champions? Che si aspetta questa sera tra Bayern e Barcellona?
“Tra Bayern e Barça sarà una grande gara, tra le due migliori squadre al mondo in questo momento. Sappiamo che le affronteremo, oggi l’obiettivo era portare a casa la posta. Abbiamo reso semplice una partita che non lo era, nessuna italiana aveva vinto qui a Plzen. È una vittoria meritata, voluta dai ragazzi, sono contento”.