Liverpool-Benfica, Verissimo: “Non esiste la vittoria morale”

Il tecnico del Benfica Verissimo ha parlato dopo il pareggio per 3-3 contro il Liverpool: "L'obiettivo era arrivare alle semifinali".

14/04/2022

13:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by PATRICIA DE MELO MOREIRA/AFP via Getty Images)

Il Benfica pareggia 3-3 in casa del Liverpool ed esce a testa altissima dalla Champions League 2021-2022, dopo la sconfitta per 1-3 maturata nella sfida d’andata. Al termine del match di Anfield, il tecnico dei portoghesi Nelson Verissimo ha parlato in conferenza stampa. Ecco un estratto delle sue dichiarazioni riportate da TMW.

Liverpool-Benfica 3-3, le parole di Verissimo

Liverpool Benfica
(Photo by Paul ELLIS / AFP) (Photo by PAUL ELLIS/AFP via Getty Images)

Il Benfica compie una grande partita contro il Liverpool, rimontando lo svantaggio di due reti e pareggiando 3-3. Nonostante la buona prestazione della sua squadra, il tecnico lusitano non nasconde il rammarico dell’eliminazione: “Abbiamo beccato il Liverpool che è una delle squadre più forti del mondo. Sapevamo che era una montagna difficile da scalare e che arrivare alle semifinali era una sfida complicata. Ma sapevamo di potercela fare. Ovviamente è stata una partita difficile, combattuta. Penso che i tifosi del Benfica debbano essere tristi come lo siamo noi perché non siamo passati al turno successivo”.

A chi gli ha domandato se il 3-3 conquistato sul campo valga comunque come una vittoria ha risposto: “Non esiste una cosa come la vittoria morale. In questa sfida col Liverpool abbiamo perso la prima e pareggiato la seconda. L’obiettivo era arrivare alle semifinali, come ho detto prima ma non ci siamo riusciti. Sapevamo anche che sarebbe stata una missione difficile. Alla fine il risultato non è né buono né cattivo perché l’obiettivo era passare il turno. Siamo consapevoli di avere giocato una buona partita. È stata una notte europea di cui tutti i tifosi del Benfica devono essere fieri”.