PSG, per la panchina si pensa anche a Gallardo

Il tecnico argentino è finito nella lista dei possibili sostituti di Mauricio Pochettino alla guida del PSG, come riportato dall'Equipe.

13/05/2022

19:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by ALEJANDRO PAGNI/AFP via Getty Images)

Anche Marcelo Gallardo è finito nella lista dei possibili sostituti di Pochettino alla guida del PSG: L’allenatore argentino va ad aggiungersi ad una lista già piuttosto folta, che vede al suo interno nomi come Zidane, Conte e perfino Thiago Motta. La stagione del club parigino non è andata esattamente come da aspettativa, e nell’ambiente circola dell’inevitabile delusione, figlia, principalmente, della dura eliminazione dalla Champions League, che ha distrutto tutti in un colpo solo i sogni e le ambizioni di un’intera annata. Sebbene la squadra abbia riportato nella capitale il titolo di Francia, la proprietà non è soddisfatta da quanto visto, e starebbe studiando i nomi per il futuro della panchina.

(Photo by Marcelo Hernandez/Getty Images)

PSG, per la panchina prende piede l’ipotesi Gallardo

Come riportato dall’Equipe, Mauricio Pochettino avrebbe già comunicato alla squadra il suo addio al termine della stagione. Indubbio che la proprietà, a fronte degli investimenti fatti, si aspettasse un cammino europeo più prolifico, oltre che una stagione più ricca di trofei. Le aspettative sono state deluse, e a farne le spese sarà probabilmente l’ex tecnico del Tottenham, con cui non c’è mai stato un rapporto idilliaco.

LEGGI ANCHE: Fiorentina, Maleh: “Sono molto felice del mio minutaggio”

Il PSG ha da tempo stilato una lista di nomi per il futuro della panchina, e da poco vi rientra anche quello di Marcelo Gallardo, allenatore del River Plate. L’argentino è famoso per aver portato a Buenos Aires un calcio modernissimo e dallo stile molto spagnolo, incentrato sull’attacco, la verticalità e il dominio attraverso il possesso palla. L’idea è sicuramente esotica ma i parigini apprezzano molto le qualità tattiche del tecnico, e non è da escludere che ci possano essere dei dialoghi nei prossimi mesi.