Sassuolo, Dionisi: “Berardi non ci sarà domani, ma siamo vicini al rientro”

Il Sassuolo di Dionisi aspetta domani l'Inter di Simone Inzaghi. Le parole del mister neroverde in conferenza stampa.

07/10/2022

12:23

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

E’ già vigilia di Sassuolo-Inter. Alessio Dionisi ha tenuto per questo la consueta conferenza stampa di presentazione del match contro i nerazzurri. Reggio Emilia è pronta ad accogliere la squadra di Simone Inzaghi che deve cavalcare l’entusiasmo per la vittoria contro il Barcellona per ripartire in campionato. Il Sassuolo però vuole stupire: dovrà farlo ancora però senza Domenico Berardi.

Berardi
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Sassuolo, le parole di Dionisi in conferenza stampa

Queste le parole di Dionisi per Sassuolo-Inter.

LEGGI ANCHE: Sventata rapina a casa Di Maria: il giocatore era in casa con Vlahovic

Sulla partita di domani: “Siamo soddisfatti dell’ultima partita, stiamo ottenendo quello che ci meritiamo, poi fermiamoci qua. Domani giochiamo con una delle squadre candidate alla vittoria finale, che lotterà fino alla fine e ne sono sicuro. Dovremo scendere in campo con equilibrio e umiltà domani. Siamo all’ottava di campionato, non si può parlare di continuità nei numeri e nei risultati. Gli ultimi risultati ci hanno dato maggiore consapevolezza, maggiore spirito di squadra. Questi due risultati hanno cambiato i commenti esterni e spero aiuti il nostro trend. La partita di domani è quasi proibitiva e stimolante, ma arriva al momento giusto. L’Inter con la Roma meritava di vincere, con il Barcellona ha fatto una partita da Inter. Sono state due gare diverse, due atteggiamenti diversi e credo che l’Inter abbia fatto bene in entrambe le sfide, poi dopo si tende a parlare del risultato positivo e negativo. Mi aspetto un’Inter che verrà da noi per vincere e noi la affronteremo per vincere“.

Sulla sua squadra: “Li ho visti bene. La partita di domenica contava tanto, arrivava dopo la sosta, poteva sembrare una partita semplice anche se non lo è stato. Difficile pensare che contro l’Inter si possa entrare in campo con superficialità. Dobbiamo entrare in campo con consapevolezza ma anche con grandissimo equilibrio, sapendo che non abbiamo fatto ancora niente, e poi con grande umiltà. Ci alleneremo oggi pomeriggio, le scelte le farò in funzione dell’allenamento. È bello poter scegliere, in alcuni momenti del campionato questo può non esserci, perché le scelte nelle gare precedenti erano ridotte, speriamo di scegliere bene perché le ultime scelte sono state positive. Credo che si possa far meglio”. “.

Su Berardi: “Purtroppo domani non sarà disponibile, si sta avvicinando il momento, spero possa essere la prossima partita. Senza di lui è una perdita importante, ora la squadra non sta facendo pensare troppo a Domenico, io ci penso, spero rientri presto“.

Su Pinamonti: “Penso che sentisse di più la partita precedente. Se ne parla tanto quando un giocatore fa bene ma non fa gol, in questo caso un attaccante. Ma mi devo abituare io, quest’anno si parlerà tanto dei giocatori che ci sono, deve essere bravo Andrea a fregarsene di questo. Se si parla di un giocatore è perché si hanno aspettative e lui sta facendo bene“.

Rischio eccessiva esaltazione? “Un pochetto sì, è una cosa che non mi piace. Io vorrei che non fosse così. So che non è facile, tanti giornali di calcio scrivono ogni giorno, di conseguenza dobbiamo essere al di sopra di questo. Viene a pennello la partita contro l’Inter, una squadra più forte di noi sulla carta. Difficile pensare che si possa andare in campo con superficialità in campo domani, altrimenti faremmo la fine che abbiamo fatto contro il Milan nel finale della scorsa stagione“.